Ti sei mai chiesto come fanno i costruttori a realizzare edifici perfettamente diritti? Con il goniometro! O almeno questo è uno degli attrezzi indispensabili, e serve per misurare gli angoli, affinché un palazzo o anche altri elementi appartenenti al campo dell’edilizia, della carpenteria, della meccanica e del bricolage, vengano costruiti o montati con l’angolazione corretta.

Di goniometri  ne troviamo principalmente due tipi, quelli analogici e gli altri digitali, quest’ultimi realizzati includendo altri strumenti come livelle laser e inclinometri. Costituiscono lo strumento di misurazione che non può mancare nella cassetta degli attrezzi di ogni professionista. Per aiutarti nel tuo acquisto in questo articolo ti spiegheremo alcune delle caratteristiche principali dei goniometri: sei pronto?

Le cose più importanti in breve

  • Il goniometro digitale è uno strumento molto semplice ed economico che ti permetterà di realizzare vari tipi di lavori. Si tratta di un dispositivo a forma di semicerchio o di cerchio graduato a 180° o 360°.
  • I goniometri sono strumenti molto semplici da usare: per le misure devi solo posizionare la parte pieghevole nel punto che vuoi misurare e quindi osservare i valori sullo schermo.
  • La precisione dello strumento sarà un aspetto fondamentale al momento di scegliere il goniometro più adatto a te, come vedremo più avanti nella sezione sui criteri di acquisto. Questi strumenti devono offrire un intervallo di misurazione che copra come minimo angoli da 0 e 90 gradi (°).

Classifica: I migliori goniometri sul mercato

Sul mercato troverai un vasto numero di goniometri, dai modelli digitali che mostrano le informazioni in modo semplice a quelli analogici che richiedono una maggiore competenza. A meno che tu non sia un costruttore esperto scegliere il goniometro più adatto alle tue esigenze non sarà facile: per aiutarti abbiamo quindi selezionato per te i cinque migliori modelli.

Posto nº 1: Neoteck

Questo goniometro con livella è progettato per applicazioni di tipo professionali. Ha un display con LCD con retroilluminazione adatto anche in caso di poca illuminazione e ha una precisione di misurazione di ±0.5°. È alimentato da una batteria da 9V e si spegne automaticamente se non viene utilizzato per 5 minuti.

Le recensioni di questo goniometro sono positive al 100%. Risulta pratico, molto preciso nelle misurazioni e realizzato con materiali di ottima fattura. Il rapporto qualità prezzo lo rende uno dei migliori goniometri per il fai da te, anche se a livello professionale può essere consigliabile un prodotto diverso.

Posto nº 2: A0127

Continuiamo con un goniometro angolare ortopedico e analogico, progettato da A0127 per essere utilizzato principalmente nella terapia ergonomica e nella fisioterapia. Questo righello angolare realizzato in plastica presenta schemi delle ossa stampati in superficie ed è quindi indicato soprattutto per i medici che operano su pazienti.

Un prodotto venduto ad un ottimo prezzo secondo il parere degli utenti che l’hanno provato: “ben fatto e sembrerebbe piuttosto solido”. Piace inoltre la possibilità di bloccarsi in posizione facilitando la lettura. Realizzato in ottima manifattura (materiale in PVC), non delude gli specialisti della professione medica: “Proprio quello che cercavo”.

Posto nº 3 : Preciva

Con Preciva abbiamo tra le mani un goniometro digitale di dimensioni 25,7 x 9,1 x 1,3 cm e con copertura di 360 gradi. Realizzato in acciaio inossidabile, con guide temprate e lappate e con vite di bloccaggio. Dispone di un ‘angle finder’ display con opzioni di regolazione per millimetri e pollici, mentre il peso del dispositivo è di 141 g.

Si tratta di uno strumento che offre un livello di precisione massima, come testimoniano gli utenti che l’hanno testato, inoltre la qualità costruttiva è ottima e i materiali sono ben rifiniti. La pila per alimentarlo è inclusa nella confezione, ma il goniometro dispone anche di un sistema di autospegnimento dopo circa 5 minuti per salvaguardarla.

Posto nº 4: Maped

In quarta posizione troviamo un altro goniometro con copertura di 180 gradi proposto da Maped, realizzato in alluminio e di dimensioni di  24 x 15 x 2 cm., Il peso stavolta è di 18,1 grammi e a differenza del modello visto al primo posto venduto in diverse colorazioni questo viene offerto in un’unica tonalità grigia.

Un prodotto che secondo il parere della maggior parte degli acquirenti risulta non solo bello ma anche resistente. C’è chi l’ha acquistato per utilizzarlo nel suo banco sega e ha trovato proprio quello che cercava: “bello solido” e “numerazione ben visibile” tra i principali vantaggi di questo articolo, recensito anche come comodo, robusto e venduto a un ottimo prezzo.

Posto nº 5: Hanmer

Chiudiamo la classifica con il secondo goniometro digitale in lista, stavolta un modello progettato da Hanmer, dotato di display LCD digitale, con copertura di 360 gradi e risoluzione di solo 0,01 grado. Realizzato in acciaio inossidabile (lunghezza 40 cm) e con batteria al litio per una durata fino a 2000 ore, integra una funzione di blocco e azzeramento.

Un goniometro che svolge il suo ruolo egregiamente. Strumento consigliatissimo (in particolare ai carpentieri e agli amanti del bricolage), colpisce chi l’ha provato per la sua robustezza e la facilità d’uso: piccolo, leggero e semplicissimo grazie anche all’ottimo display digitale, si fa apprezzare per l’accuratezza e il rapporto qualità/prezzo.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui goniometri

Molti lavori manuali, legati al bricolage, all’edilizia, alla fabbricazione di macchine e allo sviluppo di strumenti musicali o meccanici, richiedono in genere misuratori di precisione, come i goniometri appunto. Questo prodotto ti consentirà di eseguire  misurazioni esatte di superfici verticali, orizzontali e soprattutto di angoli.

goniometro-prima-xcyp1

Il goniometro digitale è uno strumento molto semplice ed economico che ti permetterà di realizzare vari tipi di lavori. (Fonte: Elnur Amikishiyev: 99945512/ 123rf.com)

Cos’è un goniometro?

Il goniometro è uno strumento a forma di cerchio o di semicerchio graduato a 360° o 180° che consente di misurare gli angoli tra due oggetti e che è stato utilizzato sin dall’antichità. Tradizionalmente questi utensili venivano adoperati per misurare due punti di una costa o la posizione di un astro e dell’orizzonte.

Sono in grado di determinare in modo alquanto preciso la latitudine in cui si trovano con dei calcoli matematici molto semplici da eseguire. I goniometri tradizionali erano anche chiamati sestanti, mentre ai giorni nostri questi attrezzi si sono ulteriormente evoluti e vengono utilizzati nell’edilizia, nella carpenteria, nelle officine di produzione meccanica e nel bricolage.

A cosa serve un goniometro?

Fondamentalmente i goniometri servono a misurare e a controllare gli angoli tra due superfici con uno spigolo (un punto) in comune. Possono essere ad esempio due pareti, un tetto, la pendenza di una rampa rispetto al piano orizzontale del pavimento o le due facce di un prisma che hai bisogno di saldare: come puoi vedere le applicazioni sono varie.

I goniometri digitali, in combinazione con un metro a nastro, un inclinometro o una livella, sono indicati soprattutto per qualunque lavoro di costruzione. Servono anche a misurare l’angolo di taglio dei pezzi utilizzati nella fabbricazione di mobili, macchinari e persino di strumenti musicali, si tratta quindi di un ausilio prezioso nei lavori di precisione.

goniometro-prodotto-xcyp1

I goniometri digitali, in combinazione con un metro a nastro, un inclinometro o una livella, sono indicati soprattutto per qualunque lavoro di costruzione. (Fonte: Edward Olive: 77334000/ 123rf.com)

Che usi abituali ha un goniometro?

Come ti abbiamo già anticipato, i goniometri possono essere utilizzati per un’ampia varietà di lavori e in differenti settori. È comune vederli adoperati sia per lavori professionali che per lavori minori a casa, dato che offrono molta facilità nel realizzare lavori delicati e possono essere usati insieme ad altri strumenti di misurazione.

Di seguito ti elenchiamo nel dettaglio alcuni dei lavori che potrai svolgere con il tuo goniometro, sia che tu voglia utilizzarlo in ambito lavorativo sia per utilizzarlo a casa senza molte complicazioni:

  • Installazione di mensole e armadi.
  • Installazione di telai per porte e finestre.
  • Decorazione degli spazi interni ed esterni.
  • Lavori di costruzione.
  • Lavori di carpenteria.
  • Installazione di tubature.
  • Produzione di strumenti musicali.
  • Produzione di macchinari.
  • Installazione di cerniere per porte e finestre.
  • Fisioterapia.

Quali sono le differenze tra i goniometri e i livelli?

I livelli laser servono a controllare la verticalità o l’orizzontalità di una superficie: la loro funzione infatti, sia dei modelli digitali che di quelli analogici, è semplicemente quella di determinare se un piano è correttamente livellato. D’altra parte questi strumenti hanno altre capacità oltre al livellamento, come la misurazione di distanze o di angoli.

I goniometri servono invece a misurare angoli acuti, retti e ottusi tra due piani che possono essere due pareti, un tetto a due falde, l’angolo tra due pezzi che hai bisogno di saldare o che vuoi unire. Alcuni goniometri digitali possono anche disporre di funzioni di livellamento e molti modelli incorporano la tradizionale livella a bolla.

Oltre a misurare gli angoli, cos’altro posso fare con un goniometro?

Oltre alla misurazione l’uso più importante di un goniometro è il trasporto degli angoli. Cosa significa trasportare gli angoli? Vuol dire misurare un angolo, ad esempio l’angolo di una trave in rapporto alla parete o a una colonna, e quindi trasportarlo su un elemento grezzo al fine di realizzare un taglio preciso che si adatti all’inclinazione desiderata.

Si tratta di un’applicazione particolarmente importante per i lavori con tagli obliqui da eseguire con una troncatrice o con una sega circolare da banco. Questi tipi di operazioni sono molto comuni nella carpenteria, ad esempio quando c’è bisogno di adattare le misure di un mobile ad uno spazio che si trova a squadra falsa. Il trasporto degli angoli viene inoltre utilizzato nell’edilizia e nella produzione artigianale.

Quali vantaggi ha un goniometro digitale rispetto a uno analogico?

I goniometri analogici (tradizionali) sono poco più di un trasportatore angolare con un righello attaccato al centro che ruota liberamente intorno al suo punto di attacco. La base del trasportatore viene applicata su una delle superfici mentre il righello viene appoggiato sull’altra: l’angolo può quindi essere misurato dal disco graduato centrale.

I goniometri digitali evitano letture di quadranti complicate dato che mostrano le informazioni su un display LCD, inoltre molti modelli offrono altre funzioni come la conversione degli angoli. Ecco alcuni dei principali vantaggi di un goniometro digitale:

  • Mostrano le informazioni su un display LCD.
  • Dispongono di retroilluminazione, potrai quindi lavorare in condizioni di scarsa luminosità.
  • Offrono la conversione di angoli in gradi sessagesimali (i più utilizzati), centesimali o radianti.
  • Consentono di memorizzare le misure e di scaricare i dati su uno smartphone o su un computer.
  • Sono più veloci dato che basta applicarli sulla superficie da misurare.
  • Alcuni modelli di goniometro hanno applicazioni che consentono di utilizzarli insieme ad altri elementi come un livello laser o un misuratore laser.
goniometro-lavoro-xcyp1

Il goniometro viene utilizzato anche in lavori di carpenteria.
(Fonte: Elnur Amikishiyev: 122999629/ 123rf.com)

Con cosa posso integrare il mio goniometro?

Come ti abbiamo appena finito di spiegare, i goniometri funzionano molto bene insieme ad altri strumenti di misurazione come le livelle, gli inclinometri e i misuratori laser: alcuni modelli (i più grandi) di solito presentano uno spazio in uno dei bracci, ideato per inserirvi un misuratore laser, ma possono essere utilizzati anche con le livelle.

Un trucco poco conosciuto è quello di combinare il goniometro con un misuratore laser ottenendo così un braccio di lunghezza infinita. Per fare questo posiziona il braccio principale sopra la superficie di riferimento e l’altro braccio sopra la superficie da misurare. Se desideri proiettare l’angolo ti basterà collocare il misuratore laser sullo stesso braccio per fare in modo che proietti la linea laser con la massima precisione.

È meglio un goniometro o un inclinometro con un misuratore laser?

È importante che tu tenga chiaro che questi due strumenti svolgono funzioni molto diverse: sebbene alcuni misuratori laser includano funzioni di inclinometro, le misurazioni dell’angolo che offrono non saranno mai tanto precise come quelle di un goniometro, strumento che invece fornisce una misura degli angoli esatta e molto affidabile, a differenza dell’inclinometro che rileva i dislivelli.

Come ti abbiamo anticipato in precedenza, è possibile combinare entrambi i dispositivi per misurare angoli, livello e distanza con un singolo strumento, ma il nostro consiglio è di non provare a usarne uno per sostituire l’altro. I goniometri sono apparecchi molto economici, vale la pena investirvi per evitare problemi.

goniometro-xcyp1

I goniometri vengono utilizzati anche in lavori di costruzione.
(Fonte: Caifas: 92645793/ 123rf.com)

Che tipo di manutenzione richiede un goniometro?

Trattandosi di strumenti di precisione i goniometri necessitano di essere trattati con una certa cura. Ricorda che un eventuale colpo o una caduta potrebbe danneggiare il suo meccanismo e bloccarlo o peggio ancora farlo funzionare male. Non puoi permetterti di prendere misure errate per angoli importanti, per questo ti consigliamo di seguire alcuni criteri di sicurezza.

Di seguito ti mostriamo quali sono questi criteri che riguardano la sicurezza e la manutenzione dei goniometri che ti saranno molto utili per preservare questi strumenti in maniera ottimale, aggiungendo anche alcuni suggerimenti.

  • Evita di forzarlo o di fargli subire colpi.
  • Quando apri i bracci per misurare gli angoli assicurati di non forzare il meccanismo.
  • Se il goniometro dispone di un freno non forzarlo mai. Lo strumento deve ruotare liberamente.
  • Conservare sempre il goniometro dentro il suo astuccio.
  • Conserva lo strumento in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di umidità, luce solare e prodotti corrosivi.
  • Pulisci accuratamente lo strumento dopo l’utilizzo.
  • Verifica l’accuratezza delle misurazioni ogni tre mesi. Puoi farlo confrontandole con quelle di altri goniometri.

Criteri di acquisto

I lavori manuali di precisione richiedono strumenti di qualità in grado di semplificare le operazioni garantendo i migliori risultati. Per questo è molto importante che tu sappia scegliere bene quelli che avrai bisogno di utilizzare. Per aiutarti a trovare il goniometro più adatto alle tue necessità abbiamo preparato una guida con dei criteri di acquisto fondamentali.

  • Dimensioni
  • Funzioni
  • Precisione
  • Forma
  • Accessori

Dimensioni

Le dimensioni del tuo goniometro saranno determinate dai lavori che intendi fare con lo strumento. Ad esempio i modelli più grandi, con bracci più lunghi, sono adatti per le costruzioni e la muratura: troverai una gamma molto completa di goniometri di questo tipo, con alcuni che dispongono anche di spazi per poter essere combinati con misuratori e livelle.

Nel caso in cui ti serva un goniometro per dei lavori di precisione come quelli legati alla carpenteria, alla sistemazione di pezzi meccanici, alla fabbricazione o al bricolage è meglio sceglierne uno piccolo che ti risulterà più facile da maneggiare, un vantaggio cruciale se devi muoverti in spazi ristretti e poco accessibili.

goniometro-costruzione-xcyp1

I goniometri digitali consentono di memorizzare le misure e di scaricare i dati su uno smartphone o su un computer. (Fonte: Ian Allenden: 42638520/ 123rf.com)

Funzioni

Sebbene siano progettati fondamentalmente per misurare e trasportare gli angoli vale la pena verificare che dispongano di qualche altra funzione aggiuntiva. Ad esempio se prevedi di utilizzare il tuo goniometro per lavori di costruzione, di muratura o di idraulica dovrai scegliere un modello con la livella che ti aiuterà e ti faciliterà le operazioni, facendoti anche risparmiare spazio nella borsa.

Un’altra funzione molto vantaggiosa è la memoria, che ti permetterà di salvare le misure per trasportare gli angoli nel modo più preciso. Questo ti sarà molto utile per i lavori di costruzione e di taglio: se il tuo goniometro dispone di una una funzione per esportare le misure su uno smartphone o su un computer ti troverai di fronte a uno strumento di prim’ordine.

Precisione

La precisione è il fattore di acquisto più importante per un goniometro. Se la misura degli angoli non è precisa la qualità del nostro lavoro lascerà molto a desiderare, per questo è importante scegliere uno strumento che copra il maggior numero di angoli possibile: la maggior parte dei goniometri copre tra i 180° e i 360º, essendo quest’ultima la scelta migliore.

La precisione dovrà fornire un’accuratezza nella misurazione da 0,1 a 0,3 gradi al massimo mentre la risoluzione dovrà essere di almeno 0,1 gradi: più alto è il numero in questo caso minore sarà la precisione. È importante anche disporre di un convertitore angolare che ti consentirà di lavorare con più comodità.

Forma

La forma ti darà una buona idea del prezzo e della qualità del goniometro, in questo senso la maggior parte di questi strumenti hanno la stessa struttura, pensata per facilitare l’uso su superfici di dimensioni diverse. Come ti abbiamo spiegato, esistono goniometri più grandi indicati per progetti di muratura e altri più piccoli per i lavori di precisione.

Presta attenzione anche ai materiali di cui sono composti: l’ideale sarebbe che le parti metalliche siano in alluminio, dato che questo metallo non soffre la corrosione e necessita di meno cure, inoltre ti consigliamo di scegliere un modello con freno e che le parti “morbide” siano realizzate in gomma di prima qualità e antiscivolo.

Accessori

L’accessorio principale che non dovrebbe mai mancare per nessun goniometro è l’astuccio o una borsa per conservarlo. Trattandosi di strumenti delicati, l’aggiunta di una custodia sarà vitale per massimizzare la durata del dispositivo: il nostro consiglio è di scegliere un modello con astuccio in modo che possa offrirti una maggiore protezione da urti e cadute.

Alcuni modelli incorporano una luce LED e un display retroilluminato, due complementi ideali se lavori nell’edilizia e hai bisogno di una fonte extra di illuminazione, inoltre esistono goniometri che includono una livella a bolla d’aria e altri con uno spazio nei bracci che permette di incorporare altri apparecchi come misuratori laser o inclinometri.

goniometro-seconda-xcyp1

I goniometri sono molto utilizzati anche nella fisioterapia.
(Fonte: Daniela Pelazza: 104696873/ 123rf.com)

Conclusioni

Come abbiamo visto i goniometri sono strumenti molto semplici ma fondamentali per un’ampia varietà di lavori di costruzione e di carpenteria. Grazie a questi strumenti puoi ottenere i migliori risultati nei tagli angolati e nella misura delle superfici. Usali nei tuoi progetti di bricolage e otterrai sempre delle ottime risposte.

Per quel che riguarda il rapporto qualità/prezzo sappiamo che i goniometri sono strumenti precisi e necessari che devi in ogni caso avere nella tua cassetta degli attrezzi. Ti abbiamo spiegato tutto ciò che ti serve sapere su questi attrezzi e quali fattori dovresti valutare per scegliere il modello che più si adatta alle tue esigenze.

Se ti è piaciuta la nostra guida completa sui migliori goniometri del 2019 lasciaci un commento e condividi l’articolo sui tuoi social network. A presto!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Alexandr Loskutov: 2074986/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
22 Voto(i), Media: 5,00 di 5
Loading...