Sicuramente molte volte, dovendo eseguire un foro nella parete, ti sarai chiesto: come fanno i professionisti ad evitare di colpire un tubo o un cavo? La risposta è più ovvia di quanto pensi: non serve conoscere il percorso idroelettrico della tua casa, basta usare un rilevatore di tubi e cavi elettrici che che ti consenta di realizzare un buco sicuro.

I rilevatori di materiali, chiamati anche scanner per pareti, rilevatori di tubi o rilevatori di cavi elettrici, sono strumenti molto precisi che ti permettono di realizzare qualsiasi tipo di restauro in totale sicurezza. In questa guida, oltre a farti conoscere i modelli migliori, ti spiegheremo tutto ciò che è necessario sapere su questi apparecchi.

Le cose più importanti in breve

  • I rivelatori di materiali sono strumenti ad altissima precisione. Bisogna calibrarli e rispettare alcune regole di manutenzione se si vuole utilizzarli per un lungo periodo.
  • Non tutti i rilevatori a parete sono in grado di individuare ogni tipo di materiale. Prima dell’acquisto leggi attentamente le specifiche del produttore: se per esempio vuoi cercare della plastica devi essere sicuro che il tuo strumento la rilevi, altrimenti butti via i soldi.
  • I rilevatori moderni sono semplicissimi da utilizzare. Hanno tutti schermi LCD (dalla sigla in inglese Liquid Crystal Display) che mostrano nel dettaglio le letture, mentre alcuni modelli indicano addirittura la direzione verso cui devi muovere il dispositivo per trovare il tuo materiale.

Classifica: I migliori rilevatori di tubi e cavi elettrici

Qualcosa di molto semplice come appendere una foto può diventare complicato se si rischia di forare un tubo oppure un cavo, per questo meglio utilizzare un rilevatore di materiali in modo che tu sappia da dove passano questi elementi e lavorare in sicurezza e tranquillità. Qui sotto iniziamo la nostra guida con la nostra selezione dei migliori modelli disponibili sul mercato.

Posto nº1: TACKLIFE Rilevatore di metalli e cavi elettrici

Questo prodotto realizzato da Tacklife ti permette di rilevare la presenza o l’assenza del campo magnetico e, di conseguenza, oggetti metallici nascosti dietro le superfici. Il dispositivo emette un ronzio in vicinanza di un oggetto metallico (fino a 80 mm di distanza), mentre per i materiali non ferrosi la distanza scende a 60 mm.

Gli utenti che hanno recensito questo prodotto lo giudicano come molto comodo durante il suo utilizzo, viste le dimensioni ridotte e poco ingombranti. In conseguenza di ciò, anche la leggerezza è un punto di forza. Inoltre, buoni il rapporto qualità-prezzo e la facilità di utilizzo. Il prodotto è complessivamente giudicato come preciso, anche se non può essere considerato adatto ai professionisti.

Posto nº2: INTEY Rilevatore di metalli e cavi elettrici

Sviluppato da Intey, questo articolo è provvisto di cinque dimensioni di rilevamento, ognuna relativa a una determinata categoria di oggetti. Dotato di alta sensibilità, in caso di rilevazione appariranno sul display delle bandiere di avviso. Premendo un pulsante per un paio di secondi di attiva la calibrazione automatica.

Tante sono le recensioni positive per questo articolo. Gli utenti ne apprezzano la facilità di utilizzo e le dimensioni ridotte, le quali rendono il prodotto poco ingombrante. Anche il rapporto qualità-prezzo viene elogiato, in quanto il costo contenuto è supportato da un ottimo servizio. Infine, il sistema di rilevazione sembra funzionare molto bene, specie per i cavi elettrici.

Posto nº3: Meterk Rilevatore a parete metalli e cavi elettrici

Targato Meterk, questo prodotto è un rilevatore a parete tra i più precisi sul mercato per individuare metalli e cavi elettrici oltre le superfici. Sono previste tre modalità di rilevamento, in quanto è possibile individuare bulloni metallici, tubi di metallo o cavi elettrici AC, ognuno ad una diversa distanza. La funzione “ronzio intelligente” aiuta ad identificare la posizione dell’oggetto metallico.

Tante le recensioni positive anche per questo articolo. Gli utenti ne apprezzano particolarmente la facilità di utilizzo e l’ergonomicità, nonché la comoda impugnatura in gomma. Anche il rapporto qualità-prezzo è uno degli elementi più graditi, vista l’accuratezza della rilevazione di cavi elettrici e oggetti metallici.

Posto nº4: Flybiz Rilevatore Cavi Elettrici

Firmato Flybiz, questo rilevatore di cavi elettrici è ad alta sensibilità: i fili rilevati appaiono sul display LCD del dispositivo. Inoltre, sono tre le modalità di rilevamento, ognuna delle quali identifica tipologie di materiali diverse a distanze diverse. Il ronzio che si tramuta in un “bip” indica la presenza di un cavo dietro la superficie. Lo schermo è retroilluminato e il design antiscivolo ergonomico.

Le molte recensioni positive lasciano trasparire un prodotto di alta qualità. Gli utenti che hanno lasciato un commento lo giudicano come “molto preciso” nella rilevazione di cavi elettrici dietro le pareti. Anche l’ergonomicità e la praticità di utilizzo vengono elogiate. Inoltre, il rapporto qualità-prezzo è “ottimo”. Viene infine consigliato di effettuare la taratura per ottenere la massima precisione.

Posto nº5: Bosch Rilevatore Truvo

Questo prodotto targato Bosch consente di effettuare non solo la rilevazione, ma anche la foratura in sicurezza mediante l’individuazione di metalli e cavi sotto tensione dietro le pareti e le superfici. Si tratta di un prodotto semplice da usare, è sufficiente usare un tasto. Il segnale acustico di avviso permette di effettuare un’analisi della situazione. Le pile AAA sono incluse.

La facilità di utilizzo e l’ottimo rapporto qualità-prezzo sono le caratteristiche più apprezzate dai recensori che hanno lasciato un commento per questo prodotto. Altri elementi graditi sono la buona fattura dei materiali e della composizione, così come il manuale di istruzioni che spiega il significato dei vari avvisi acustici.

Guida all’acquisto: Tutto ciò che devi sapere sui rilevatori di tubi e cavi

Ci sono poche cose che preoccupano muratori, decoratori ed appassionati di bricolage più del rischio di rompere un tubo o di forare un cavo durante una perforazione. Per evitare questo tipo di incidenti piuttosto comuni è sempre meglio avere con sé un rilevatore di materiali: di seguito ti spiegheremo tutto ciò che ti serve conoscere su questo tipo di strumenti.

rilevatore-tubi-e-cavi-prima-xcyp1

È importante segnalare che gli scanner per pareti possono indicare oggetti inesistenti quando vengono utilizzati su superfici metalliche o aree bagnate (Fonte: zlikovec: 34728622/ 123rf.com)

Cos’è un rilevatore di tubi e cavi?

I rivelatori di tubi e cavi elettrici sono sistemi di misurazione e rilevamento complessi, funzionanti tramite una tecnologia a ultrasuoni che emette un segnale attraverso una parete, un soffitto o il pavimento e rileva gli oggetti che si trovano dall’altro lato. Questo sistema viene utilizzato per rilevare correnti metalliche, travi, tubi e cavi con corrente.

I primi rilevatori sono apparsi circa 40 anni fa negli Stati Uniti ma con il tempo hanno aggiunto altre funzioni e sono stati migliorati. Ad oggi abbiamo sistemi moderni che funzionano elettronicamente e tramite radar, consentendo di individuare più tipi di materiali e indicando la profondità alla quale si trovano.

Da quali componenti è formato un rilevatore di tubi e cavi?

Sebbene si tratti di sistemi di misurazioni sofisticati i rivelatori di materiali sono in realtà abbastanza semplici nella loro composizione. Sono formati fondamentalmente da uno schermo LCD retroilluminato sopra cui appaiono i risultati, da un involucro di plastica con un sistema di protezione in gomma antiscivolo e da dei sensori situati nella parte superiore o centrale.

Questi sensori sono numerosi e dipendono dai materiali che il tuo dispositivo è in grado di rilevare, infatti nel tuo rilevatore da puoi trovare sensori per:

  • Cavi elettrici (indipendentemente dal fatto che trasportino corrente o no).
  • Cavi di tensione trifase (ad esempio quelli delle cucine elettriche).
  • Cavi a bassa tensione (cavi dei campanelli e telefonici).
  • Tubi, barre e travi metalliche di qualunque tipo, sia ferrose che non ferrose (acciaio, alluminio o rame).
  • Acciaio rinforzato.
  • Travi in legno.
  • Spazi vuoti.
  • Impianti e tubature di plastica.

Come funziona un rilevatore di tubi e cavi?

Il modo in cui rileveremo ciascun materiale dipenderà dalla natura dello stesso, per il quale, come abbiamo già detto, i rivelatori di materiali utilizzano diversi tipi di sensori basati su tecnologie elettroniche o a radar. È errore comune infatti credere che questi sistemi funzionino con un unico sensore.

Qui di seguito vediamo come funzionano i diversi tipi di sensori di uno scanner per pareti.

Tipo di sensore Funzione
Rilevamento di travi in metallo e in legno Il rilevamento viene eseguito tramite sensori capacitivi. Il rilevatore genera un campo elettrico che penetra fino a 4 cm. Le travi avranno una maggiore influenza rispetto ai vuoti
Rilevamento di cavi sotto tensione Funziona tramite sensori di 50/60 Hertz (Hz).I sensori agiscono da ricevitori e rilevano il segnale fino a un profondità di 5 cm. Sono adatti per rilevare cavi con tensioni da 110 a 230 Volt (V). Non rilevano cavi neutri, collegamenti di messa a terra o cavi telefonici
Rilevamo di metalli ferrosi e non ferrosi Funzionano con un sensore induttivo. Individua e distingue metalli non ferrosi e metalli ferrosi. Fino a 15 cm di profondità.Entrambi i tipi di metallo sono determinati dall’analisi dello sfasamento
Sensori a radar Utilizzato nei modelli più sofisticati, rileva tutti gli elementi finora trattati ma a una profondità maggiore.I modelli radar indicano la profondità alla quale si trovano i materiali.

Quali sono gli usi dei rilevatori di tubi e cavi?

Come abbiamo già accennato questi rivelatori trovano la loro applicazione nel campo dell’edilizia e nel bricolage. Sono, per dirla in una maniera semplice, una specie di metal detector per pareti. Le superfici che consentono attraverso l’uso di questi strumenti il rilevamento di materiali nascosti sono:

  • Pietrame: Rileva mattoni, calcestruzzo aerato, pietra pomice e arenaria calcarea.
  • Calcestruzzo: Può essere armato e disarmato.
  • Partizioni: Costruzione leggera.
  • Superfici: Superfici intonacate, piastrelle, carta da parati, parquet e tappeti.
  • Legno.
  • Piastre in acciaio laminato (Drywall).

Che limiti hanno i rilevatori di tubi e cavi?

Prima di tutto è importante segnalare che gli scanner per pareti possono indicare oggetti inesistenti quando vengono utilizzati su superfici metalliche e aree bagnate (ad esempio un pavimento in cemento che non è ancora asciutto). Emettono spesso anche falsi positivi quando vengono usati su pareti che hanno molti fori al loro interno.

rilevatore-tubi-e-cavi-xcyp1

I rivelatori di materiali, chiamati anche scanner per pareti, rilevatori di tubi o rilevatori di cavi. (Fonte: ronstik: 59219682/ 123rf.com)

È importante ricordare anche che una serie di fattori può influenzare il risultato della misurazione e portare a letture errate. Spesso questi casi si verificano in circostanze sfavorevoli come:

  • Partizioni formate da diversi strati di materiale.
  • Tubi di plastica vuoti e travi di legno situate in cavità e in partizioni di costruzione leggera.
  • Oggetti disposti inclinati sulla parete.
  • Apparati nelle vicinanze che emettono forti campi magnetici o elettromagnetici, come le stazioni di telefonia mobile o i generatori.

Come bisogna usare un rilevatore di materiali?

Prima di tutto occorre muovere il dispositivo lentamente e in linea retta lungo la superficie, con percorsi di almeno 10 cm e, per misure ottimali, intorno ai 40 cm, cercando di avere sempre un contatto stabile con la superficie. Considera infatti che questi strumenti rilevano oggetti di materiale diverso.

Di seguito ti spieghiamo passo passo come usare il rilevatore di materiali:

  1. Tieni presente che in virtù dello stesso funzionamento dell’apparecchio i bordi superiori degli oggetti che si trovano lungo il percorso saranno rilevati con più facilità, per questo motivo dovresti esplorare l’area di tuo interesse muovendo il rilevatore in percorsi perpendicolari fra loro.
  2. Regola il dispositivo sulla modalità che desideri (metallo, cavo, legno) e appoggialo alla parete, vedrai accendersi una luce che indica il suo funzionamento anche se per adesso non ha trovato nulla.
  3. Muovi il rilevatore di materiali lungo la parete o dove pensi possa esserci un cavo oppure un tubo. Quando uno di questi oggetti è nelle vicinanze si accenderà una luce o verrà emesso un segnale acustico. Sullo schermo compariranno la distanza approssimativa e la direzione verso cui devi muoverti per la ricerca.
  4. Se stai cercando dei cavi ricorda che il rilevatore funziona solo con quelli che portano corrente.
  5. Se hai bisogno di segnare il verso della conduzione elettrica o della canalizzazione dell’acqua inserisci una matita nel foro del rilevatore (tutti i modelli ne hanno uno nella parte superiore) e spostala lungo il materiale.
  6. Quando hai finito di lavorare con il dispositivo pulisci con un panno asciutto la parte che è rimasta a contatto con la parete e conservalo.

E i falsi positivi?

Uno dei problemi maggiori dei rivelatori di materiali sono i falsi positivi, ossia il rilevamento di oggetti che non esistono dovuto a condizioni sfavorevoli alla misura o, come spesso accade, al fatto che si utilizza uno strumento non adatto alla ricerca di uno specifico materiale.

È importante leggere sempre le istruzioni e verificare che i sensori del dispositivo siano compatibili con il materiale che vogliamo ispezionare. Ad esempio se sullo schermo del dispositivo visualizzi tanti oggetti è possibile che la parete presenti soltanto numerosi fori e in questo caso può esserti utile usare un rilevatore che rilevi gli spazi vuoti nei muri.

Criteri di acquisto

Grazie ai progressi tecnologici i rilevatori di tubi e cavi sono stati migliorati parecchio, ma al momento dell’acquisto sarà comunque importante conoscere le nostre necessità in modo da poter scegliere il modello corretto. Per aiutarti a far ciò abbiamo selezionato dei criteri di acquisto a cui dovresti fare attenzione:

  • Tipo di costruzione
  • Tipo di tecnologia
  • Modalità di calibrazione
  • Indicazione del centro dell’oggetto
  • Modalità di rilevamento
  • Profondità di rilevamento
  • Schermo

Tipo di costruzione

In Italia si costruisce con mattoni (solidi o vuoti) e cemento, tuttavia in molti Paesi e regioni del mondo questo metodo è stato sostituito con la cosiddetta “partizione a secco” o Drywall che presenta una serie di vantaggi. Per questo tipo di costruzione è necessario un dispositivo che riesca a rilevare fori, chiodi e travi in legno.

rilevatore-tubi-e-cavi-elettricista-xcyp1

Per lavorare in sicurezza è sempre meglio usare un rilevatore di materiali. (Fonte: Andriy Popov: 41144260/ 123rf.com)

Se invece lavoriamo con murature di pietrame dove in genere si nascondono metalli e cavi di corrente gli scanner per pareti tradizionali (e più economici) sono l’opzione migliore. Questi strumenti potrebbero esserti utili anche per gli stessi impianti idraulici che oggi vengono fatti in plastica.

Tipo di tecnologia

Il tipo di costruzione inciderà in larga parte sulla tecnologia del tuo rilevatore di materiali e sul suo costo. Uno scanner che riesce a individuare cavi, metalli, legno e plastica sarà molto più dispendioso di un rilevatore tradizionale con tecnologia ultrasonica utile solo per il legno, il metallo e i cavi con corrente elettrica.

I rilevatori moderni funzionano meglio sulle pareti in Drywall anche se queste sono più spesse grazie alla capacità delle onde ultrasoniche di rimbalzare sulle aree vicine, al contrario della tecnologia elettronica che funziona meglio con pareti di gesso più sottili, inoltre sono in grado di rilevare tutti i tipi di metalli ferrosi e non ferrosi.

Modalità di calibrazione

Fattore decisivo nella lettura di un rilevatore di materiali è la calibrazione che precede la misurazione. Tramite la calibrazione il dispositivo misura lo spessore della parete e la superficie da analizzare, la densità del materiale e tiene conto di fattori quali l’umidità, la temperatura e persino l’accumulo di elettricità statica che si forma quando si tiene in mano lo scanner.

La calibrazione viene eseguita manualmente seguendo una procedura indicata dal produttore. Alcuni modelli offrono il vantaggio di avere dei sistemi di calibrazione automatica, possono essere utilizzati immediatamente rilevando oggetti con maggiore precisione e danno meno “falsi positivi”, per questo ti consigliamo di optare per uno di questi strumenti.

Indicazione del centro dell’oggetto

La maggior parte degli scanner per pareti è dotata di una funzione che individua i bordi delle travi e altri oggetti, significa quindi che l’utente deve contrassegnare con una matita i bordi sinistro e destro del materiale in base a questi segnali, ma esistono anche scanner con una tecnologia che individua direttamente il centro dell’oggetto.

Questi modelli dando una segnalazione precisa del centro facilitano il lavoro e fanno risparmiare molto tempo. Se vuoi individuare delle travi di legno dovresti perforare sempre sul centro dell’oggetto, perciò l’acquisto di un rilevatore di materiali che incorpori questa funzione sarebbe la scelta migliore.

rilevatore-tubi-e-cavi-seconda-xcyp1

I modelli provvisti di schermi con retroilluminazione sono i più consigliati perché consentono di lavorare in condizioni di scarsa visibilità. (Fonte: gajus: 26275345/ 123rf.com)

Modalità di rilevamento

Quasi tutti gli scanner per pareti sono dotati di diverse modalità di rilevamento preimpostate che come utente dovrai soltanto selezionare in base ai tuoi scopi. I modelli più semplici hanno modalità per il rilevamento di travi, di metalli e di cavi con corrente elettrica, mentre alcuni rilevano anche metalli non ferrosi.

Salendo di prezzo troviamo dei modelli che integrano più funzioni, come il rilevamento per pavimenti radianti, muratura leggera, cemento e mattoni cavi. Alcuni modelli hanno una modalità universale di default, adatta a tutti i tipi di muratura e capace di rilevare cavi, metalli, legno e plastica.

Profondità di rilevamento

Tutti i rivelatori rivelano la posizione dei materiali nascosti dietro le superfici, ma non tutti sono in grado di indicare la profondità alla quale si trovano questi oggetti. Alcuni modelli, i più avanzati sul mercato, mostrano anche la profondità massima alla quale si può perforare in tutta sicurezza.

I produttori riportano la profondità massima (ad esempio 150 mm), ma considera che questo dato dipenderà dal materiale e non è la stessa per tutti gli oggetti. Le travi di legno vengono rilevate a una profondità inferiore, ad esempio oltre 40 mm, mentre in genere i metalli, soprattutto quelli ferrosi, sono i materiali che vengono rilevati più in profondità, superando i 15 cm.

Schermo

L’integrazione degli schermi ha permesso un grande progresso nel rilevamento dei materiali, dell’identificazione del tipo e dello spessore dell’oggetto rilevato e, nei modelli migliori, anche della profondità alla quale questo materiale viene trovato o della profondità massima di foratura. La maggior parte di questi schermi offre un’interfaccia semplice e intuitiva.

I modelli provvisti di schermi con retroilluminazione sono i più consigliati perché consentono di lavorare in condizioni di scarsa visibilità, mentre un altro fattore interessante sono i segnali di aiuto per la posizione del materiale, che rendono il lavoro molto più semplice indicando in quale direzione spostare l’apparecchio per effettuare il rilevamento.

Conclusioni

Un rilevatore di materiali è un investimento sulla sicurezza. Sapere dove si trovano tutti gli elementi nascosti dietro a una superficie ti consente di perforare in tranquillità potendo eseguire ogni tipo di foro, lavori di riparazioni e bricolage senza rischiare di colpire un tubo o dei cavi con tensione.

Ricorda che prima di scegliere un rilevatore di materiali devi avere chiaro ciò che vuoi trovare, siano metalli, legno, cavi elettrici, plastica o persino dei fori. Valuta anche se con il tuo dispositivo vorrai misurare qualcos’altro, come la profondità alla quale si trova il materiale o la profondità massima di perforazione.

Se ti è piaciuta la nostra guida sui migliori rilevatori di tubi e cavi condividi l’articolo o se preferisci lasciaci un commento. Grazie!

(Fonte dell’immagine in evidenza: Sergiy Tryapitsyn: 18289848/ 123rf.com)

Vota questo articolo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars
48 Voto(i), Media: 4,50 di 5
Loading...